Il 16 giugno scorso e' stato per me un giorno indimenticabile: assieme ad altri candidati delle Luogotenenze di Svizzera e di Austria, ho partecipato alle cerimonie di investitura a Cavaliere dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme a Salisburgo.

 

Un momento emozionante e spiritualmente molto intenso che ha lasciato un ricordo indelebile nella mia memoria. La cerimonia molto solenne e, nell 'antico e simbolico rito, particolarmente intensa, ha comunque mantenuto e sottolineato l'importanza del profondo significato spirituale ed attuale dell"Investitura . In altre parole, il Cavaliere rispetta le antiche tradizioni e nel contempo le attualizza nella testimonianza concreta e quotidiana dei valori cristiani.

 

A mio modesto parere, oggi come oggi , in un mondo veramente scarso di valori veri, abbiamo piu' che mai bisogno, noi Cristiani , di credibilita' agli occhi del mondo.

 

L'investitura e l'onore di diventare cavaliere significano per me anche una continuita' generazionale: infatti ho l'opportunita' di seguire le orme di mio padre, Francesco Salinetti, insignito nel 1991 a cavaliere e piu' tardi a commendatore , purtroppo deceduto nel marzo 2016. Poter indossare il suo manto e continuare nel significativo impegno da lui assunto, ha per me un significato molto profondo ed é motivo di orgoglio vero.

 

0819 Investitur 2017

 

Vorrei sottolineare che, nonostante l'ambiente nuovo e le mie limitate conoscenze delle consorelle e dei confratelli, mi sono trovato subito a mio agio: questo grazie anche ad un' accoglienza molto calorosa e fraterna. Un benvenuto sincero e cordiale che non vedo l'ora di ricambiare.

 

E' per me un grande onore e privilegio poter far parte di questo Ordine cui garantisco sin d'ora fedeltà, impegno ed entusiasmo nel rispettare i Suoi principi e scopi.

 

Stefano Salinetti, Sezione della Svizzera Italiana